Marmora Romana

Roma, 30 novembre 2017
I gioielli d’artista di Elvira De Vico sono realizzati con reperti antichi
originali di epoca romana: si riconoscono paste vitree e marmi
colorati quali il porfido, il giallo antico, l’africano, il serpentino,
l’alabastro fiorito, la breccia corallina.
Si tratta di piccoli ma preziosi reperti, indicativi del lusso della Roma
imperiale, originariamente utilizzati nella decorazione di fastosi
monumenti pubblici e privati, nella realizzazione di magnifici sectilia,
nei rivestimenti parietali e musivi.
A partire da Augusto la capitale del mondo allora conosciuto venne
trasformata in una città di marmo… ma non era bianca, come
immaginata dagli studiosi e dagli antiquari dei secoli scorsi, bensì
policroma. Per abbellirla furono cavate immense quantità di marmi
affluenti da ogni parte dell’impero, principalmente dalla Grecia e
dall’Asia Minore.
Tali gioielli d’artista sono realizzati con veri e propri frammenti della
Roma imperiali quindi, da rispettare, amare, ed onorare.
“Ho trovato una città di mattoni, ve la restituisco di marmo”
(Svetonio, Augusto, XXVIII, 3).
Andrea Pancotti, archeologo
Head of Antiquities Department
Bertolami Fine Arts